Veronica Panarello isolata in carcere: ‘Non ti vogliamo con noi…’

Veronica Panarello

Veronica Panarello sempre più isolata, le altre detenute non la vogliono come compagna di cella

Le altre detenute del carcere di Torino non vogliono Veronica Panarello nello loro stesse celle. Il motivo? Perché la donna alcuni anni fa ha assassinato il figlioletto Lorys Stival e successivamente lo ha buttato in un canalone. Si è tornati a parlare di Veronica Panarello nella puntata di venerdì 14 settembre di Pomeriggio Cinque.

A Pomeriggio Cinque si torna a parlare di Veronica Panarello

Nel programma di Barbara D’Urso sono state le ultime novità della donna che da qualche mese ha chiesto di essere trasferita nel carcere del capoluogo piemontese. Veronica Panarello dallo scorso 11 agosto ha avuto la possibilità di studiare e lavorare, seppur dietro le sbarre. In questo luogo che è uno dei carceri migliori del nostro Paese, la madre del povero Lorys avrà la possibilità di dare un senso alla sua vita. La donna, però, come ha fatto sapere il programma di Canale 5, è costretta a stare isolata per volontà delle altre detenute.

Veronica Panarello torna a parlare

Intanto arrivano delle nuove dichiarazioni di Veronica Panarello dal carcere ‘Le Vallette’ di Torino. A quanto pare la donna ha chiesto di tornare a Catania perché da tempo non ha notizie del figlio più piccolo. Il legale Daniele Scrofani, che difende il marito David Stival, ha replicato in questo modo alle accuse della donna:

“Non è una informazione corretta, Davide ha sempre onorato il provvedimento: ha mandato foto e lettere, l’avvocato Villardita sa che Davide lo ha fatto anche prima della sentenza, a luglio e anche pochi giorni fa”.

Dopodiché, l’avvocato Villardita è tornato a parlare del paragone della sua assistita Panarello e Anna Maria Franzoni e delle disparità di trattamento.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)