L’ictus cerebrale che ha colpito Emanuele Spedicato: sintomi e prevenzione

L’emorragia cerebrale che ha colpito il chitarrista dei Negramaro ha delle avvisaglie ben precise.

Ictus: Emanuele Spedicato colpito da un’emorragia cerebrale

Lunedì 17 settembre, Emanuele Spedicato, chitarrista dei Negramaro, è stato colpito da ictus cerebrale. Ha avvertito un forte mal di testa e ha avvisato la moglie. Poco dopo, mentre si trovava in giardino, l’uomo si è accasciato a terra ed è stato portato immediatamente al pronto soccorso. Gli esami hanno evidenziato un’emorragia cerebrale in corso che stava facendo pressione sul cervello e per questo motivo il musicista è stato operato d’urgenza. Nel tardo pomeriggio è uscito il primo bollettino medico che parlava di un ricovero nella Rianimazione dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce:

Il paziente è costantemente monitorato, ma il quadro clinico non permette di sciogliere la prognosi, che resta riservata

Ictus: i sintomi

L’ictus cerebrale è causato dalla chiusura o dalla rottura di un vaso cerebrale dovuto dalla mancanza di ossigeno (ischemia), oppure alla compressione del sangue uscito dal vaso (emorragia cerebrale). È quest’ultimo il caso di Emanuele Spedicato. Infatti, nel caso di un’emorragia, compare spesso un forte mal di testa accompagnato da una mancanza di sensibilità al braccio o alla gamba. Può esserci una difficoltà nel linguaggio e problemi alla vista nel lato colpito.

A volte tali avvisaglie compaiono solo per pochi minuti e poi scompaiono, ma è bene farsi controllare dal medico perché può verificarsi un ictus vero e proprio. La chiusura dei vasi può avvenire da emboli che si formano nel collo, nel cuore o nel cervello.

Ictus: i dati statistici in Italia

L’ictus cerebrale è la terza causa di morte in Italia. Ogni anno vengono colpite 185.000 persone. Una bassa percentuale colpisce uomini e donne tra i 40 e i 45 anni, mentre il 75% dei casi riguardano persone con più di 65 anni.

Ictus: cosa fare per prevenirlo

Ci sono alcune regole fondamentali per cercare di prevenire l’ictus cerebrale:

  • praticare attività fisica;
  • correggere l’alimentazione;
  • controllare il peso;
  • non eccedere con l’alcool;
  • non fumare;
  • monitorare la pressione;
  • controllare la glicemia;
  • fare attenzione alla fibrillazione atriale.
Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!