A scuola senza voti: al via l’esperimento

A scuola senza voti

Ecco che è diventato realtà il sogno di tutti gli studenti: non avere alcun voto a scuola. Al momento è solo un esperimento, parte integrante di un progetto in una scuola di Pesaro, ma che potrebbe essere “copiato” in futuro anche da altri istituti scolastici.

La pagella arriverà solo a fine anno

Il fatto, riportato alcuni giorni fa su Il Resto del Carlino, riguarda la scuola primaria Chiara Lubich dell’Istituto comprensivo Olivieri di Pesaro. Sono 41 gli alunni coinvolti in questo particolare esperimento educativo. Il progetto ha avuto inizio quest’anno e interessa le due sezioni delle classi prime. Si tratta di un’iniziativa sorta in collaborazione con l’Università di Urbino, a cui la preside dell’istituto scolastico in questione ha deciso di aderire con entusiasmo. I bambini non riceveranno dagli insegnanti alcuna valutazione durante tutto l’anno. Non ci sarà quindi nemmeno la pagella di fine primo quadrimestre. A metà anno scolastico sarà previsto solo un semplice colloquio coi genitori. Mentre le pagelle dei due quadrimestri verranno consegnate a giugno, a conclusione delle lezioni.

No all’identificazione dei bambini col brutto voto

Scopo di questa iniziativa sarebbe quello di evitare di identificare i bambini in base ai voti ricevuti, specialmente se negativi. Col progetto “Essenza Scuola” si vuole

“promuovere la motivazione perché il bambino trovi la condizione per dare il meglio di sè invece di inseguire il bel voto a tutti i costi”. Questo è quanto ha affermato il maestro Giulio De Vivo, sostenitore del progetto, il quale ha anche voluto precisare come un brutto voto possa essere semplicemente “una prestazione andata male”. Infine ha aggiunto: “La scuola deve promuovere i talenti, non certo tarparne le ali”.

L’esperimento si baserà inoltre in maniera significativa sullo svolgimento di molta attività laboratoriale, volta a stimolare maggiormente la mente degli scolari. Un progetto dunque importante, con un proprio fondamento educativo, ma che si ritroverà con ogni probabilità a doversi scontrare con parecchie opinioni contrarie.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!