David Lynch omaggia i Duran Duran: esce nelle sale “Unstaged”

David Lynch dirige i Duran Duran. Chi l’avrebbe mai detto che lo stile surreale ed enigmatico del regista potesse legarsi col mondo musicale di una delle band più mainstream della storia? Forse nessuno.

Eppure la follia creativa di Lynch ha convinto i Duran Duran, 3 anni fa, a scegliere proprio lui come regista del docu-film in loro onore. Ed ecco qua il lavoro finito: Duran Duran Unstaged sarà proiettato nei migliori cinema italiani per soli 3 giorni, il 21-22-23 Luglio, e ciò che vedremo non sarà solo un live registrato dai nostri il 23 marzo 2011 a Los Angeles, al Mayan Theatre, ma molto di più, grazie all’apporto del regista di pietre miliari come The Elephant Man e Mulholland Drive.

Nick Rhodes, fan di lunga data del regista, è entusiasta del prodotto finale e le sue parole non lasciano spazio a dubbi sulla qualità del prodotto: “Aveva tutta la libertà di far ciò che voleva sul palco, e davanti al risultato finale non si poteva non rimanere sbalorditi. Mai visto niente del genere“. Due piani visivi e il solito flusso di tecniche innovative creano il mosaico della pellicola, che perfettamente si incastrano con le musiche del gruppo, dando un sapore molto eighties al film.

I Duran Duran in gran spolvero e con la formazione storica (Simon Le Bon, Nick Rhodes, Jhon Taylor, Roger Taylor) non sono i soli protagonisti della pellicola: Beth Ditto dei Gossip, Kelis, Mark Ronson e Gerard Way dei My Chemical Romance condividono il palco con il quartetto in un paio di brani che hanno scritto la storia recente della musica, anche quelli tratti dall’ultimo lavoro All you need is now.

I fan storici del gruppo, ma anche quelli nati più tardi, non si faranno assolutamente sfuggire l’occasione di vedere i loro beniamini diretti da uno dei più grandi registi del secolo, ma la proiezione limitata ai 3 giorni consiglia l’acquisto del biglietto su prenotazione.

Una chicca: l’introduzione video sarà affidata alle parole esperte di Morgan.

Qui il trailer italiano: https://www.youtube.com/watch?v=np5tBAx4Ag4&hd=1.

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!