Emicrania: i cibi da assumere ed evitare per contrastarla

Chi soffre di emicrania deve fare attenzione anche all’alimentazione, alcuni cibi favoriscono l’insorgenza del dolore cronico

Emicrania: cos’è e sintomi del dolore

L’emicrania è una patologia neurologica cronica caratterizzata da frequenti cefalee (mal di testa). È interessante sapere che il termine deriva dal greco e significa dolore su un lato della testa. Spesso, infatti, il dolore si concentra sulla parte destra o sulla parte sinistra del cranio. Il mal di testa cronico insorge solitamente nei primi 15 anni di vita, ma ha un picco tra i 25 e i 55, soprattutto nelle donne.

I sintomi sono i seguenti:

  • dolore di tipo pulsante;
  • fitte su un lato della testa;
  • dolore aggravato dal movimento;
  • insorgenza di nausea, vomito, fotofobia, fonofobia;
  • può insorgere a seguito dell’assunzione di alcuni cibi.

Emicrania: i cibi da evitare

Chi soffre di emicrania dovrebbe evitare di bere alcolici. Il motivo? L’alcol causa un aumento del flusso sanguigno al cervello e delle tossine. Anche gli insaccati, soprattutto se affumicati, contengono dei nitriti e nitrati, conservanti che possono essere convertiti in ossido nitrico, un vasodilatatore che favorisce l’insorgenza del dolore.

Il dado da cucina contiene glutammato monosodico. Quest’ultimo è un additivo alimentare che dilata i vasi sanguigni, operazione che favorisce il mal di testa, anche a distanza di molte ore dall’assunzione. Quindi, la minestra dovrebbe essere assunta con brodo naturale.

Emicrania: i cibi che aiutano a contrastarla

I formaggi hanno via libera nella dieta di chi vuole provare a contrastare l’emicrania, purché non siano stagionati. Inoltre, nonostante la diffusa credenza popolare, anche il cioccolato è un alleato del nostro organismo nella lotta contro il mal di testa. Gli antiossidanti del cacao aiutano nella pulizia delle arterie.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che il caffè è un importante analgesico del mal di testa, in quanto la caffeina va a restringere i vasi sanguigni. Poi ancora, noci, spinaci, tonno, sardine, soia, manzo contengono Coenzima Q10 e le mandorle Vitamina B2, sostanze che aiutano a sedare l’emicrania.

Insomma, prima di assumere antidolorifici, è opportuno migliorare l’alimentazione seguendo alcuni piccoli consigli, come elencato finora.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!