‘Berlusconi mi sputa in faccia’: Vittorio Feltri furioso con Mediaset

Vittorio Feltri

Il direttore di Libero al veleno contro l’azienda del Biscione

Senza ombra di dubbio Vittorio Feltri è stato per diversi anni uno dei maggiori sostenitori di Silvio Berlusconi. Ma da qualche mese, ovvero quando al governo c’è la Lega e il Movimento Cinque Stelle, il direttore di Libero ha cambiato qualcosa.

Nello specifico ha spostato la sua linea editoriale del suo giornale verso il Carroccio del vicepremier Matteo Salvini. In queste ore Feltri ha scritto un editoriale per spiegare a Piero Chiambretti per quale motivo non vuole avere uno spazio all’interno del suo nuovo programma su Rete 4.

Vittorio Feltri non vuole più lavorare nell’azienza televisiva di Berlusconi

Vittorio Feltri ha affermato che non c’è nulla di personale con Chiambretti, ma ha dichiarato di essere risentito di quello che è accaduto recentemente nell’azienda televisiva di Berlusconi. Nello specifico il diretto di Libero non ha gradito l’imitazione di Ezio Greggio nel tg satirico Striscia la notizia mentre lo imita con un fiasco di vino tra le mani.

Secondo il giornalista lo ha fatto passare per un ubriacone. Feltri ha spiegata che mai nessuno lo ha visto brillo e di aver trovato questa imitazione abbastanza insolente. Quindi ha deciso che da ora in poi non lavorerà più a Mediaset.

“L’azienda di Berlusconi mi sputa in faccia”,

ha ribadito il direttore.

Feltri e il duro messaggio contro Mediaset

Rivolgendosi a Piero Chiambretti che tra qualche giorno debutterà su Rete 4 con un nuovo show in prima serata, il direttore di Libero Vittorio Feltri ha dichiarato questo:

“Onde per cui, caro Piero Chiambretti, mi perdonerai se ora li mando tutti al diavolo a costo di non essere prossimamente nel tuo staff che ha solo il difetto di essere retribuito da Silvio e guidato da una masnada di capi e capetti tanto irrispettosi nei miei confronti. Il mio verso di te non è uno sgarbo: è legittima difesa. Mediaset mi fa schifo”.

Arriverà la replica di Berlusconi?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!