Conoscete il figlio di Rita Pavone? Ecco George, molto somigliante alla madre [FOTO]

Rita Pavone

Rita Pavone partecipa al Festival di Sanremo 2020 con un brano del figlio George

Dopo anni Rita Pavone è una dei 24 Big che gareggiano alla 70esima edizione del Festival di Sanremo. La nota cantante si è esibita nella prima serata e il suo brano è piaciuto moltissimo al pubblico. L’artista si è presentata sul palco dell’Ariston con una canzone scritto dallo stesso figlio, ovvero il compositore George Merk.

Le parole di quest’ultimo e l’interpretazione magistrale della madre hanno fatto si che il pubblico presente in sala le facesse una standing ovation. Ma andiamo a vedere nel dettaglio chi è il 46enne George.

Chi è George Merk?

Il 46enne George Merk è figlio d’arte. Infatti quest’ultimo è venuto al mondo dalla storia d’amore fra Rita Pavone e Teddy Reno. E’ nato in Svizzera e dopo l’adolescenza, ovvero a 20 anni si rende conto di avere una grande passione per la scrittura e gli arrangiamenti musicali.

Nonostante da anni vive a Lugano, l’uomo ha delle solide radici italiane. Inoltre ha un repertorio di tutto rispetto e per questo la madre Rita Pavone si è affidata a lui per il brano in gara alla 70esima edizione del Festival di Sanremo. Nella canzone scritta per la 74enne è presente lo stile di George che è ricco di varie contaminazioni musicali. Infatti madre è figlio si somigliano molto non solo dal punto di vista fisico ma anche nei gusti musicali. (Continua dopo il post)

‘Niente (Resilienza 74)’: il brano di Rita Pavone e il figlio George

Osservando una foto condivisa su Instagram è possibile notare l’incredibile somiglianza tra Rita Pavone e George Mark. Come accennato prima la grande passione e lo spirito artistico verso la musica fa si che li unisce ancora di più.

Un mix meraviglioso che ha trovato il piano appoggio da parte del pubblico del Teatro Ariston di Sanremo. Il brano ‘Niente (Resilienza 74)’ è piaciuto moltissimo e per questo c’è stata una standing ovation. Sabato sera riuscirà a sollevare la tanto ambita palma d’oro?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)