Terremoto Napoli, scosse del Vesuvio: dilaga la paura, evacuati 25 Comuni

Terremoto Napoli, scosse del Vesuvio: dilaga la paura, evacuati 25 Comuni
Terremoto Napoli, scosse del Vesuvio: dilaga la paura, evacuati 25 Comuni

Il Vesuvio è un vulcano situato a Napoli in Campania, uno dei più studiati e pericolosi dell’Europa. È un vulcano di tipo esplosivo in grado di distruggere ogni cosa per diversi chilometri. Nel passato ha dimostrato la sua forza con la distruzione di Pompei-Ercolano e con l’ultima eruzione nel 1944 provocando la morte di 30 persone.

In seguito alle ultime vicende legate alle scosse di terremoto avvenute soltanto pochi giorni fa, la popolazione partenopea è preoccupata.

Terremoto Vesuvio: Eruzione e monitoraggio

Oggi, il Vesuvio risulta a riposo, ma le ultime scosse preoccupano i cittadini campani. L’ultima scossa percepita dalla popolazione è stata di 2.4 magnitudo con epicentro a una profondità di 1.63 chilometri. Al momento si tratta di terremoti che rientrano nella normale attività del vulcano, per questo non deve destare nessuna preoccupazione per la popolazione.

“Tutti i parametri non mostrano anomalie”

Sono state le parole della direttrice dell’Osservatorio Vesuviano, Francesca Bianco, che invita i cittadini a non cedere ad allarmismi.

Terremoto Napoli, dopo le scosse si procede all’evacuazione

Intanto dopo le scosse di terremoto, per precauzione si completa il piano di evacuazione per 25 Comuni del vesuviano, stabilendo le vie di esodo e della loro fruibilità. Il preallarme e l’allarme vulcanico devono essere dichiarati dal Presidente del Consiglio dei Ministri.

Anche se la preoccupazione e l’allerta ha colpito migliaia di persone, il direttore dell’Osservatorio ha rassicurato tutti rilasciando delle dichiarazioni ufficiali che negano l’imminente eruzione del vulcano partenopeo.

L’attività vulcanica e i bollettini sono visibili a tutti perché pubblicati sul web. Pertanto, le scosse di terremoto che si stanno verificando in questi giorni sul Vesuvio, secondo l’Osservatorio Vesuviano rientrano nella normale attività del vulcano che al momento è a un livello di allerta base.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!