Federica Panicucci: ‘Viva la fig* per sempre’, imbarazzo a Bari per Capodanno in musica (Video)

Federica Panicucci

Imbarazzo in diretta per la conduttrice di Mattino 5 durante la serata di San Silvestro

Ieri sera Rai Uno e Canale 5 proponevano due programmi in vista del Capodanno 2019. Sulla rete pubblica è andato in onda lo storico L’Anno che verrà con Amadeus da Matera, Capitale europea della cultura.

Mentre sulla rete ammiraglia Mediaset Federica Panicucci ha condotto Capodanno in musica in diretta da una piazza di Bari. E proprio in questo luogo è accaduto qualcosa che non è piaciuto per niente alla presentatrice di Mattino 5. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è accaduto.

Federica Panicucci in imbarazzo per la frase pronunciata dal rapper Junior Cally

Ieri sera su Canale 5 il 2018 si chiuso in un modo davvero particolare. In diretta da Bari Federica Panicucci ha presentato Capodanno in musica e tra i vari artisti arrivato nel capoluogo pugliese c’era pure il rapper Junior Cally.

Quest’ultimo dopo aver terminato la sia esibizione si è lasciato andare ad un messaggio poco carino e non proprio consono per un evento del genere. Urlando al microfono ha detto questo:

“Bari fanculo la droga, viva la fig* per sempre! Su queste ca**o di mani Bari”.

Qualche istante dopo la conduttrice di Mattino 5 è salita sul palco e con l’imbarazzo stampato in faccia si è umilmente scusata col pubblico di Canale 5 e quello presente nella piazza barese per quello che ha detto il rapper.

“Naturalmente chiedo scusa per le parole che sono state usate, evidentemente non sono in tono con la nostra serata quindi ci scusiamo col pubblico a casa e anche con voi in piazza”,

ha detto la Panicucci.

I Capodanni all’insegna del trash

Non è la prima volta che capita un episodio del genere nello show di San Silvestro. In passato, ad esempio, a dare un po’ di trash è stato il cantautore Gianluca Grignani alticcio sul paco con Gigi D’Alessio. Ma anche il Buon 1918 pronunciato dodici mesi fa da Patty Pravo a L’Anno che verrà su Rai Uno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!