Budino dell’ospitalità

Budino dell'ospitalità
Il piatto del giorno: budino dell'ospitalità

La ricetta di quest’oggi è quella del budino dell’ospitalità, dolce al cucchiaio ottimo e molto scenografico, che, come vedrete alla fine, vi permetterà di sbizzarrirvi, perché si presta a molte diverse e gustosissime varianti. Vediamo insieme, allora, come si realizza questo dessert.

 

Ingredienti per 6 persone:

3 uova

130 g di zucchero semolato

300 ml di panna liquida

1 cucchiaino di essenza di vaniglia (o 1 bustina di vanillina)

130 g di farina

1 bustina di lievito per dolci

2 cucchiai di liquore all’amaretto

burro e sale quanto basta

Per la guarnizione:

1 bustina di zucchero vanigliato

18 mandorle pelate

8 ciliegine rosse candite

 

Preparazione:

Versare la panna in una piccola casseruola, porla su fuoco moderato e portarla a lenta ebollizione; mescolarla e lasciarla sobbollire, dopo aver abbassato il fuoco, per altri 10 minuti, quindi togliere il recipiente dal fuoco.

Mettere in una terrina lo zucchero e i tuorli d’uovo, sbatterli fino a renderli chiari e spumosi, poi unire poco alla volta la panna bollita, rimescolando con cura. Unire anche l’essenza di vaniglia (o la vanillina) e il liquore all’amaretto e continuare a battere per altri 5 minuti.

Mischiare poi la farina con il lievito e farla scendere da un colino nel composto preparato, mescolando continuamente.

Infine montare a neve fermissima gli albumi con un pizzico di sale e amalgamarli con leggerezza con una spatola, aggiungendoli poco alla volta, e sollevando la spatola dal basso verso l’alto.Versare la preparazione in uno stampo di pirex scannellato a pareti alte unto di burro e infarinato e far cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti.

Estrarre poi il recipiente e, ancora caldo, spolverizzare la superficie del budino con lo zucchero vanigliato facendolo scendere a pioggia da un colino. Guarnire con le mandorle messe a forma di fiore e porre al centro di ognuno una ciliegina candita. Servire il budino caldo.

Qualche suggerimento: Su questo tema potrete fare alcune elaborazioni personali, ad esempio aggiungere alla miscela di base 3 cucchiai di cacao, oppure 80 g di cioccolato fondente grattugiato o, ancora, 2 cucchiaiate di zucchero caramellato diluito con un pochino d’acqua, o 2 banane passate nel frullatore con mezzo bicchiere di latte.

 

L’appuntamento con la prossima ricetta è, come di consueto, fissato per domani; intanto, se volete restare sempre aggiornati con i miei articoli di attualità, spettacolo e cucina, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui e se siete alla ricerca di idee gustose per i vostri amici intolleranti al glutine, potete chiedermi l’amicizia cliccando qui.

 

Potrebbero interessarvi anche:

Ravioloni fritti alle noci: cliccate qui

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!