Suona la campanella! Si torna a scuola: cinque regole per aiutare i bambini

Addio vacanze, anzi arrivederci!!!Si torna a scuola! Per i bambini della scuola dell’infanzia, primaria e i ragazzi della secondaria è ormai arrivato il momento di ritornare a scuola. Ma se per gli adulti ricominciare la routine quotidiana è difficile, per i piccoli la situazione è ancora più difficile. Ecco come affrontare questo periodo dell’anno nel modo più sano.

A fornire qualche consiglio è la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, che ha realizzato un decalogo con le regole da seguire per vivere nel migliore dei modi l’inizio di un nuovo anno scolastico.

Si torna a scuola

Il ritorno sui banchi di scuola infatti non deve essere vissuto come un trauma, ma deve essere graduale e piacevole, senza creare drammi. L’organismo del bambino deve infatti tornare alla regolarità dopo giorni segnati da stravizi a tavola, giochi , leggerezza e sveglie tardi al mattino.

Svegliarsi prima

Per prima cosa è fondamentale rivedere l’orario di sveglia. Si può iniziare qualche giorno prima l’inizio della scuola, spostando le lancette dell’orologio indietro di mezz’ora. In questo modo a poco a poco, con il passare dei giorni, il bimbo riuscirà a svegliarsi senza problemi nell’orario giusto.

Andare a letto presto

Per raggiungere questo obiettivo è importante andare a letto prima la sera, favorendo il rilassamento grazie alla lettura e mettendo da parte dispositivi elettronici come tablet, televisione e videogiochi che invece procurerebbero insonnia.

Alimentazione più sana ed equilibrata

Curare l’alimentazione che riveste un ruolo chiave nell’aiutare i bambini a vivere con serenità la fine delle vacanze. Dopo mesi all’insegna di strappi alimentari, fuori programma al sapore dolce e salato, è il momento di tornare ad una dieta sana ed equilibrata: meglio puntare su cibi biologici e sulla dieta mediterranea con cinque pasti al giorno e tanta acqua.

Si torna a scuola: meglio se con nuovo materiale scolastico

Il ritorno alla vita di sempre non deve essere vissuto come un dramma. E quindi niente ansia ma rendere invece un gioco la scelta di cartella, astuccio e penne. Solo in questo modo il primo giorno sui banchi verrà associato ad un sentimento positivo.

Nessun dramma, la scuola è una festa

Il primo giorno di scuola va vissuto senza ansie ma con entusiasmo come l’inizio di un nuovo ciclo ricco di novità e sorprese. Rivedere maestre, professori e compagni deve essere una gioia e un input ad affrontare il nuovo anno scolastico con entusiasmo e curiosità.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!