Tutto quello che c’è da sapere sulla formazione delle verruche: cause, varianti e cure

Verruche

Le verruche sono un disturbo abbastanza comune che può colpire chiunque ma specialmente i bambini. Sono escrescenze cutanee con la superficie ruvida e un colore del tutto simile alla pelle. Possono manifestarsi in qualsiasi parte del corpo e nella maggior parte dei casi sono del tutto innocue, possono causare giusto un fastidio se ad esempio spuntano sotto la pianta del piede. La causa delle verruche è il papilloma virus umano (HPV) che in base al ceppo di appartenenza provoca il disturbo in specifiche parti del corpo. Il contagio avviene tramite contatto diretto con la pelle oppure indiretto con un oggetto precedentemente utilizzato da una persona affetta da verruche. L’escrescenza cutanea, nella maggior parte dei casi, sparisce guarendo spontaneamente.

I vari tipi di verruche

Esistono diversi tipi di verruche. Iniziamo dalle verruche comuni che solitamente spuntano su mani e piedi sotto forma di una piccola escrescenza dura con superficie ruvida e di colore grigiastro o marroncino. Eppure non si manifestano solo su mani e piedi, infatti come spiegato in questa pagina informativa sono frequenti anche le verruche sul gomito e sulle giunture. Continuiamo con le verruche piane: sono di dimensioni molto piccole e possono comparire singolarmente o a grappoli. Hanno una superficie più liscia rispetto alle altre tipologie con una sommità piatta e un colore rosa, marroncino o giallastro. In merito alle verruche plantari, invece, c’è da dire che si manifestano sotto la pianta del piede e sono particolarmente fastidiose; talvolta possono spuntare nella zona della caviglia con dimensioni anche molto grandi. Proseguiamo con le verruche a mosaico. Compaiono sotto forma di piccole crosticine ravvicinate di colore bianco e possono comparire sotto le dita e la pianta del piede; rispetto alle verruche plantari non provocano dolore mentre si cammina. Concludiamo con le verruche filiformi, il cui nome deriva proprio dalla loro forma allungata con un colore molto simile alla pelle e si formano solitamente sul viso attorno alla bocca, agli occhi o al naso.

Le cure

Come detto le verruche normalmente guariscono spontaneamente ma è un processo che può richiedere molto tempo. Si può intervenire con particolari cure per risolvere il problema più rapidamente. Le soluzioni adottate più comuni sono: l’acido salicilico che viene utilizzato per eliminare la parte callosa e in altri casi spesso usato anche per eliminare i calli. Si può acquistare in farmacia sotto forma di gel o pomata facendo attenzione perché può danneggiare la pelle sana. Un’altra soluzione molto efficace è la crioterapia: si tratta di un trattamento medico che utilizza il freddo per congelare la verruca ed è una cura che deve essere praticata da uno specialista con l’impiego di un’anestesia locale.
Concludiamo la carrellata di soluzioni con il trattamento laser. In questo caso il medico utilizzerà la tecnologia laser per cauterizzare i vasi sanguigni che forniscono nutrimento alla verruca che successivamente si staccherà.

Ci sono poi una serie di rimedi casalinghi che comunque sono altamente sconsigliati perché potrebbero causare più danni che benefici. La soluzione migliore è rivolgersi ad un medico che saprà consigliare la cura più adatta in base alla situazione del paziente.

Facebook Comments