Alessia Macari, la prima notte di nozze con Oliver Kragl finisce a rissa: chiamata la Polizia

alessia macari

Il matrimonio tra Alessia Macari e Oliver Kragl

Lunedì 20 maggio Alessia Macari è convolata a nozze con l’attaccante del Foggia Oliver Kragl. I due avevano annunciato il loro matrimonio da diverso tempo e finalmente hanno coronato il loro sogno d’amore. Ma a quanto pare qualcosa è andato storto e addirittura sono state chiamate le forze dell’ordine. Andiamo a vedere nello specifico cosa è successo.

La ciociara avrebbe chiamato la Polizia dopo aver litigato col neo marito

Stando a quanto riportato dal quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno, la prima notte di nozze tra Alessia Macari ed Oliver non sarebbe stata tranquilla. Sul giornale c’è scritto che all’alba è arrivata ai centralini della Polizia di Stato una richiesta di intervento in Via Trinitapoli presso la sala ricevimenti ‘Tenimento San Giuseppe’.

La spiegazione data alle forze dell’ordine è per una lite tra marito e moglie. La richiesta di soccorso, secondo quanto riportato sul sito d’informazione, sembra sia stata fatta dalla Ciociara di Avanti un altro!. Quest’ultima ha rivelato alla Polizia di Stato che avrebbe avuto una forte discussione per futili motivi col neo consorte nel corso del quale sarebbero volati pesanti parolacce.

La secca smentita di Alessia Macari: non c’è stata nessuna lite

Ma non è finita qui, stando a quanto raccontato dalla soubrette Alessia Macari, quest’ultima avrebbe manifestato l’intenzione di voler tornare a casa e riprendersi alcuni regali di nozze.

“Pare che la momento dell’arrivo della polizia la stanza dei neo coniugi fosse completamente a soqquadro”.

La ciociara di Avanti un altro!, però, nella tarda mattinata di martedì 21 maggio ha smentito la notizia con una Storia sul suo profilo Instagram:

“Ragazzi guardate, una bellissima camera, dove abbiamo sentito una voce che l’abbiamo sfondata. Invece non è sfondata, ci siamo svegliati adesso…”.

Cosa è successo realmente, c’è stata o no questa chiamata alla Polizia?

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!