Susanna Tamaro, annuncio inatteso: “Mi ritiro dalla vita pubblica, non ho più energie”

Susanna Tamaro
Susanna Tamaro

L’autrice di “Va’ dove ti porta il cuore” a 62 anni sceglie di ritirarsi dalla vita pubblica per continuare a scrivere libri

Inaspettato e sorprendente è l’annuncio di Susanna Tamaro, la celebre scrittrice del best seller Va’ dove ti porta il cuore. Nel giorno del suo 62esimo compleanno annuncia di volersi ritirare dalla vita pubblica e di voler rimanere a casa a scrivere libri. La scrittrice rivela anche il motivo: non può più muoversi, ha poche energie e soffre della sindrome di Asperger.

Si tratta di una patologia che da un lato dona una memoria inesauribile ma dall’altro impedisce di muoversi bene. La Tamaro aveva dato appuntamento ai suoi fan ad Orvieto per festeggiare i 30 anni di carriera, i 30 libri scritti e il suo compleanno. Susanna ha voluto condividere con i suoi lettori questa gioia e per l’occasione c’è stato anche un piccolo concerto e la torta.

Susanna Tamaro ha spiegato i motivi della sua decisione

Mentre al Vetrya corporate campus si teneva l’incontro la scrittrice ha dato la clamorosa notizia. Al campus la Tamaro ha fatto dono del pc con il quale scrisse e a “Va’ dove ti porta il cuore”. Ha anche detto delle critiche ricevute allora per il fatto di aver scritto il romanzo al computer, come se avesse fatto qualcosa di magico. Poi ha parlato anche della sua malattia, che l’ha spinta a prendere questa drastica decisione.

E ha voluto specificare che il suo ritiro non è dovuto al fatto di essere disgustata dal mondo. Per lei vivere oggi con la sindrome di Asperger è abbastanza complicato. Non può muoversi, incontrare persone e viaggiare continuamente. I peggioramenti continuano giorno dopo giorno e preferisce quindi rimanere a casa.

La Tamaro ha anche ricevuto minacce di morte

La Tamara abita a Porano, in una fattoria abitata anche da tanti animali, gatti, cani, volatili e cavalli. Riguardo al best seller che l’ha resa celebre nel corso dell’incontro con i suoi fan ha anche detto di aver ricevuto minacce di morte. Quando ha visto che il suo libro era primo in classifica quasi non ci credeva, pensava che ci fosse stato uno sbaglio.

Invece il libro è rimasto tre anni sempre al primo posto, un traguardo incredibile. Il messaggio lanciato da quel romanzo era arrivato in tutto il mondo, aveva raggiunto anche i cuori più duri ed era penetrato nel profondo, lasciando un segno indelebile. Ma oltre alla felicità ci sono state anche le minacce di morte, ma oggi per fortuna tutto è stato superato.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!