Francesco Gabbani su Junior Cally: “Non ha il mio stile”

Francesco Gabbani presenta Viceversa, il brano di Sanremo 2020
Francesco Gabbani

Francesco Gabbani torna all’Ariston tre anni dopo Occidentali’s Karma

Mai bruciare le tappe, sennò rischi di bruciarti e rovinare il buon ricordo lasciato. In occasione del Festival di Sanremo 2020 salirà all’Ariston anche Francesco Gabbani, presosi una lunga pausa, durata esattamente tre anni.

Tre anni da Occidentali’s Karma, brano che sbaragliò la concorrenza, valendogli il leone d’oro. Fra appena poche settimane il cantante tornerà dove la sua carriera ha preso il volo, con un brano, Viceversa, e un disco omonimo, in uscita il 14 febbraio, l’ennesima evoluzione.

Intervistato da Il Giornale, Francesco Gabbani racconta cos’ha fatto in questo periodo lontano dai riflettori. Fondamentalmente ha viaggiato, cercato sé stesso invece di cercare il bis in classifica. Ha riflettuto.

Dall’esperienza ha compreso di desiderare più la normalità che il successo. La musica rappresenta la sua vita, ma continua a inseguire il proprio equilibrio, nella meditazione. Come afferma nel disco, si è dittatori nella testa e poi partigiani nel cuore.

Il significato di Viceversa

In Viceversa, il prossimo brano in gara, Francesco Gabbani spiega cos’è l’amore in coppia, non solamente nella relazione di coppia ma più in generale. Le regole decadono. Pure nella normalità, alla fine l’amore diventa imprevedibile. Comunque sia, l’album nel complesso confuta l’individualismo e scava a fondo sulla realtà social, pensati soprattutto per soddisfare l’ego.

All’Ariston fece scalpore la “scimmia” sul palco. Qualcuno nutre grandi aspettative, invece prevarrà la semplicità e proprio la semplicità valorizzerà il brano. Ad ogni modo, Francesco Gabbani è curioso di scoprire come reagirà il pubblico.

Tornare a Sanremo non rientrava nei piani, anzi. La canzone è nata a settembre e si è accorto dello stile, adatto a tale manifestazione. Vocalmente, a dispetto delle apparenze, gli vien più facile cantare Viceversa che Occidentali’s Karma.

Controcorrente lo è eccome Gabbani, uno dei pochi rimasti in giro a produrre musica non strapiena di parte elettrica, aggiunta solo dopo la nascita del pezzo. Compone alla vecchia maniera, ovvero con la chitarra o con pianoforte e voce. Evita i beat, esclusi dalla parte originale.

Francesco Gabbani: l’opinione su Junior Cally

In definitiva, l’arrangiamento è solo un abito. Infine, riguardo alla vociferata squalifica di Junior Cally, il 37enne carrarese, premesso di esprimersi in un’altra maniera, spiega di trovare assurdo giudicare la partecipazione di un artista per una canzone incisa in passato.

Ancora una volta Gabbani dà prova di fair-play e accetterebbe l’idea di confrontarsi col trapper romano, molto seguito dalle nuove generazioni. Al desiderio di cavalcare l’onda, predilige la normalità.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!