Stagg A350 – N e SA300 BK

Stagg A350 - N

I cinesi dispongono di notevoli quantità di abete e acero per cui non sarà da sorprendersi del massiccio utilizzo di queste due essenze.
Così come non sarà da sorprendersi se queste, come altre provenienti dal “continente” cinese, avranno caratteristiche anche sensibilmente diverse da quelle che siamo abituati a vedere utilizzate.
A parte questo, le due Stagg esaminate, a una prima visita superficiale, l’apprezzabile tradizione di cura, good-look, prestazioni e prezzi imbattibili alla quali ci hanno abituato in brevissimo tempo i prodotti di questa ditta euro-cinese.

Le Stagg A350 e SA300 sono due elettriche: la prima, un’arch-top a tutto corpo (intorno ai 9 cm di spessore); la seconda, una semiacustica o semisolid (con blocco centrale) in the style of Gibson ES 335.
Entrambe hanno il corpo caratterizzato frontalmente da due aperture a effe.
Il catalogo dichiara che il fondo e le fasce del modello A350 N sono in acero e lo stesso materiale, sempre secondo il catalogo, dovrebbe costituire il corpo  dell’altro modello, la semiacustica SA300.
Ora, che il mondo delle essenze sia straordinariamente numeroso e variegato è assolutamente vero.
Com’è vero che molte varietà di legni dell’Asia orientale (come molti africani d’altronde) mi sono assolutamente sconosciuti e solo da poco si affacciano sul mercato dei manufatti grazie alle nuove produzioni provenienti da quei luoghi.

Il fondo del modello SA300 è in mogano (le altre parti, essendo dipinte in nero coprente, non sono classificabili). Riguardo la A350 N la paletta è impiallacciata frontalmente, una delle ali è costituita da un altro pezzo di legno incollato, ed essa non forma un blocco unico con il manico ma è unita a quest’ultimo tramite una giunzione a taglio obliquo presente all’altezza della prima meccanica e visibile solo da un lato.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!