Prete attacca Salvini su migranti, fedeli lasciano la chiesa: ‘No politica durante la messa’ (Video)

Teramo, attacco a Salvini dal parroco in omelia

Matteo Salvini continua ad essere criticato dai parroci italiani. Qualche giorno fa, in occasione della messa domenicale, don Federico Pompei, prete della parrocchia di Villa Rosa, frazione di Martinsicuro, in provincia di Teramo ha fatto delle pesanti accuse al leader della Lega Nord.

Don Federico Pompei fa un’omelia contro Salvini 

Durante l’omelia, il prete ha criticato aspramente l’operato di Matteo Salvini sulla questione immigrazione e sulla sua iniziativa di chiudere tutti i porti italiani evitando l’ingresso dei migranti. L’ispirazione del parroco è nata dopo aver visto una mendicante rom sul sagrato della chiesa che chiedeva l’elemosina. Secondo il prelato la vera carità cristiana, infatti, non si attuerebbe solo dando qualche moneta nelle mani della mendicante, bensì accogliendola all’interno della propria casa dandogli vitto e alloggio. (continua dopo il video)

I fedeli indignati abbandonano la funzione religiosa 

L’iniziativa del prete, però, non è piaciuta affatto ad alcuni fedeli presenti in parrocchia. Infatti, in molti si sono alzati dai banchi e hanno abbandonato la funzione religiosa. Don Pompei, però ha continuato a fare la sua omelia, ignorando del tutto quello successo in chiesa. Secondo il parroco, Salvini starebbe lavorando malissimo. Secondo lui, un vero cristiano non avrebbe chiuso i porti, avrebbe bensì accolto i migranti. La notizia è stata riportata dal quotidiano ‘La Voce del Trentino’, che ha raccolto le testimonianze di alcuni turisti provenienti da Trento.

“Una vergogna che un parroco faccia politica in una chiesa durante la santa Messa. Bastava che dicesse che bisogna aiutare il prossimo e basta, cosa c’entra fare il nome di Salvini?”,

ha dichiarato una donna molto infastidita.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!