Dieta, diabete: gli alimenti per abbassare la glicemia

Diabete dieta da seguire

Per chi soffre di diabete è fondamentale curare l’alimentazione fin nel minimo dettaglio. In particolare è importante far sì che l’indice glicemico sia basso. Per questo bisogna prestare attenzione al regime dietetico seguito. Ci riferiamo nello specifico al diabete di tipo 2, detto anche alimentare.

Diabete, indice glicemico: come fare per abbassarlo

Per indice glicemico si intende la velocità con cui il glucosio, che è contenuto negli alimenti, viene assorbito dal sangue. Andiamo a considerare quali sono i cibi che ci permettono di tenerlo sotto controllo.

1) I legumi, grazie al contenuto di fibre solubili, sono utili per tenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue. Le fibre presenti nei legumi inoltre aumentano anche il senso di sazietà. Lenticchie, piselli, fagioli e ceci andrebbero consumati due o tre volte alla settimana. Anche la verdura è importante in quanto aiuta a tenere sotto controllo l’assorbimento degli zuccheri da parte dell’organismo. Può consumarsi in porzioni abbondanti.

2) Pane e pasta integrali. L’approccio ai carboidrati per il paziente dabetico è cambiato in questi anni. Si tratta infatti di un alimento non solo ammesso ma anche consigliato, in quanto è utile all’organismo.

3) E’ indicato anche il consumo di pesce fresco almeno due o tre volte alla settimana.

La frutta invece va coinsumata con moderazione perché contiene zuccheri. In particolare quella più zuccherina (ad esempio uva, banana, mandarini) potrà essere consumata solo occasionalmente.

Diabete: gli alimenti da evitare

Da evitare invece gli zuccheri raffinati e l’utilizzo di condimenti grassi quali burro, margarine, lardo e strutto. Lo zucchero si trova anche nelle merendine e nella frutta sciroppata. Da evitare quindi dolci, biscotti pasticcini, marmellata e miele. Stesso discorso per le salse contenenti zucchero, come il ketchup.

Bisogna rinunciare anche a pasta e riso prodotti con farina bianca, mentre è necessario limitare il consumo dei prodotti da forno non integrali. No anche ai formaggi particolarmente ricchi di grassi, ad esempio la caciotta e il mascarpone, perché aumentano il livello dei trgliceridi e del colesterolo nel sangue. Le patatine fritte invece vanno consumate con moderazione a causa della presenza dell’amido che comporta picchi glicemici.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!