La pizza e la dieta

pizza che buona

In qualunque periodo dell’anno il numero delle donne (e anche degli uomini) che si mette a dieta è molto alto e questo tende a salire vertiginosamente in tre periodi dell’anno: prima di Natale, dopo Natale e prima delle vacanze estive, quando la prova costume rende molte persone insicure del proprio aspetto.

Il desiderio di perdere qualche chilo è assolutamente giustificato qualora vi fossero dei problemi di salute o si debba seguire una dieta apposita a causa di specifici esami a cui occorre sottoporsi e che richiedono la necessità di una riduzione della circonferenza vita o degli accumuli adiposi.

Quando ci si mette a dieta, e non si soffre di particolari intolleranze alimentari, tra gli alimenti che solitamente vengono messi al bando, oppure consentiti solo in rare occasioni, oltre ai dolci, appare la pizza. Un alimento principe come la pizza, simbolo dell’Italia, messo nell’angolo per volere dei nutrizionisti, i quali tuttavia solitamente la consigliano una volta ogni una o due settimane, oppure ancora peggio da se stessi nelle pericolose diete auto-imposte e auto-prescritte a cui si decide di sottoporsi.

Eppure questo alimento, se mangiato con moderazione e scegliendo i tipi più semplici e meno elaborati, rappresenta un buon piatto unico.

Se si desidera mangiare la pizza, ma si vuole seguire un regime ipocalorico, il consiglio è quello di consumare nell’arco della giornata una quantità maggiore di proteine e pochissimi carboidrati (quindi, ad esempio, due fette biscottate a colazione e poi a pranzo semplicemente una fetta di carne o pesce con verdure), idratarsi molto, al fine di evitare la ritenzioni idrica e limitarsi, in quel pasto, solo al consumo della pizza, senza aggiungere antipasti, dolci o fritti.

Un consiglio per mangiare la pizza che ci piace, risparmiando calorie, è quello di eliminare i bordi, il famoso cornicione laterale, e chiedere la pizza senza mozzarella o, se proprio non ci si riesce a rinunciare, con meno mozzarella rispetto alla quantità prevista nella preparazione originale.

Vediamo un elenco delle pizze più amate dagli italiani, da quelle più leggere alle più caloriche, in modo che sappiate come regolarvi se siete a dieta ma volete comunque (e giustamente) mangiarvi una pizza ogni tanto.

Le calorie sono calcolate per una pizza da ristorante del peso circa di 300 grammi.

Pizza marinara: 720 calorie

Pizza alle verdure: 780 calorie

Pizza margherita: 813 calorie

Pizza al prosciutto: 825 calorie

Pizza capricciosa: 850 calorie

Pizza quattro stagioni: 855 calorie

Pizza quattro formaggi: 900 calorie

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Pandanews: Scrivere ed informare non è solo un lavoro, ma una passione, che chi sceglie di realizzare condivide con chi ha il piacere di leggere.